«La solitudine è importante
non solo per gustare la gioia di Dio vicino
ma anche per soffrire l'angoscia di Dio lontano
e nel non volersene consolare,
se non, solo, col suo ritorno.
E' questa angoscia che ci dice
ciò che Dio è per noi.
Dio è come l'aria,
quasi non ci accorgiamo di averne bisogno
perché è sempre lì:
è il nostro naturale
e inconsapevole respiro.
E' quando manca che misuriamo quanto valga;
e che senza non si può vivere.
Nei giorni,
nei quali il bisogno spasmodico dell'uomo
è il segno di un rallentato rapporto col Signore,
l'angoscia va bevuta fino in fondo
senza cercare scappatoie,
come la fonte buia di Dio,
la sua presenza tenebrosa».
Adriana Zarri