Francesco, appena eletto, ha parlato di «cammino insieme di popolo e vescovo di Roma» 
di DarioVitali 
Se una formula ecclesiologica può definire al meglio la recezione del Vaticano II da parte di papa Francesco, questa è "popolo di Dio". (...) In Evangelii Gaudium, documento programmatico del suo pontificato, Francesco indica il popolo di Dio come soggetto della missione evangelizzatrice della Chiesa. Il capitolo III è costruito sul presupposto che «tutto il popolo annuncia il Vangelo». Se «l'evangelizzazione è compito della Chiesa», «il soggetto dell'evangelizzazione è ben più di un'istituzione organica e gerarchica, perché anzitutto è un popolo in cammino verso Dio. Si tratta certamente di un mistero che affonda le sue radici nellaTrinità, ma che ha la sua concretezza storica in un popolo pellegrino ed evangelizzatore, che trascende sempre ogni pur necessaria espressione istituzionale» (EG 111). 
Il fatto di riferirsi contemporaneamente allaTrinità e al popolo di Dio in cammino nella storia, mostra una sintesi originale dell'ecclesiologia conciliare da parte di Francesco. Egli compone in una visione armonica i capitoli I e II di Lumen gentium, rispettivamente sul mistero della Chiesa e sul popolo di Dio. Questa sintesi appare anche quando afferma che «la Chiesa è inviata da Gesù Cristo come sacramento della salvezza offerta da Dio» (EG 112). «Essere Chiesa», ribadisce il Papa, «significa essere popolo di Dio, in accordo con il grande progetto d'amore del Padre» (EG 114). «Questo popolo che Dio si è scelto e convocato è la Chiesa» (EG 113). (...)
Francesco ha una sua visione di Chiesa-popolo di Dio che si può cogliere, ad esempio, nel modo in cui legge la correlazione tra sacerdozio comune e sacerdozio ministeriale. Quando dice che «i laici sono semplicemente l'immensa maggioranza del popolo di Dio; al loro servizio c'è una minoranza: i ministri ordinati» (EG 102), egli non sottolinea soltanto la necessaria «presa di coscienza della responsabilità che nasce dal battesimo e dalla confermazione», ma evidenzia come «un eccessivo clericalismo li mantiene ai margini delle decisioni». Idea ribadita nella lettera al cardinale Ouellet (2016): «La Chiesa non è un'élite dei sacerdoti, dei consacrati, dei vescovi, ma tutti formano il santo popolo fedele di Dio».
in “Vita Pastorale” del marzo 2018