«Ki ha consumato il suo Dio a furia di pregarlo e di ripregarlo,
per la paura di viver tutto e di non capire,
per la vergogna mai digerita di dover anche morire».
Davide Van De Sfroos, Ki (2014)