Una tenera tavola dell'iraniana Mahnaz Yazdani (si legge da destra a sinistra, come indica la freccina).