Sicuramente la pandemia prosegue nel mondo ed è una tragedia per milioni di persone.

Sicuramente questa esperienza ha segnato e ferito ciascuno e tutti interiormente - psicologicamente e spiritualmente - più di quanto uno si renda conto.
E' sempre triste quando non ci si rende conto di ciò che si vive, del contesto in cui si vive, della propria identità mentre si vive.
Ancor più triste quando non ci si vuole rendere conto o non ci si attrezza per prendere consapevolezza dell'oggi e del vissuto.
Credevo fosse impossibile, ma c'è chi non guarda i telegiornali, non legge i giornali, non frequenta le pagine web, squalifica apertamente i social... e pretende di capire gli uomini e le donne.
La realtà è che se non capisci il contesto, non capisci nemmeno te stesso.
E - ancora più grave - non capisci cosa il Signore sta dicendo oggi, perché il Signore della Storia e della Incarnazione non prescinde mai dal "qui e ora", e qui e ora sta operando, con questi uomini e queste donne, con le loro mani e le loro gambe, le loro emozioni e i loro neuroni.
Che ci piaccia o non ci piaccia, Lui agisce così!
«Ecco, io faccio nuove tutte le cose» (Ap 21,5).
don Chisciotte Mc, 200719