Giovani e drink Dalla Val d'Aosta a Panarea: raddoppiati i ricoveri. In Rete le foto dei tour ad alta gradazione

I ragazzi e le feste sulla spiaggia. Le notti dell'alcol senza limiti

Mezzo litro di vodka. E si è accasciata. Non son­no da sbornia, ma coma da alcol. Ha rischiato di morire su una spiaggia nella notte di San Loren­zo, Annamaria, napoletana, 15 anni. Troppo ubriachi anche gli amici, tutti minorenni, per accor­gersi che stava male. (...) Coma e collassi sono in au­mento, traguardo frequente di fe­ste e serate alcoliche. Lo dicono i numeri delle Asl, la quantità di giovani al pronto soccorso, i referti che si ripeto­no: intossicazione da etanolo, di vari li­velli, il più grave se­gna il confine tra la vita e la morte. (...) L'alcol va giù come l'acqua, men­tre la percezione della realtà si al­lontana. Serate divertenti, assi­curano gli organizzatori. (...) Cifre pre­occupanti sulla crescita di pato­logie alco-correlate, come pan­creatiti e cirrosi, sempre tra gio­vanissimi: +5%. Non diverso il trend nel resto d'Italia. Come in provincia di Milano: «La Asl cita un incremento di coma e collas­si da alcol tra minori - spiega Francesca Lo Russo, psicologa cha lavora in progetti relativi di­pendenze nelle scuole