Ho letto lo Speciale sul sito diocesano: ho trovato descrizioni, progetti, qualche aneddoto edificante. Ma nessuna riflessione seria sulle concrete e reali difficoltà di questo frettoloso cambiamento della struttura ecclesiale. C'è il forte rischio che anche i nostri media si uniformino sullo stile della comunicazione "del mondo", "di partito": generica, rapida, superficiale, selettiva, agiografica. A che pro?  A "chi" pro?


don Chisciotte.