"Sole, fermati in Gabaon e tu, luna, sulla valle di Aialon", grida Giosué per completare una delle sue vittorie. Si arresti l'universo, lui non può fermarsi. "E si fermò il sole e la luna ristette": gli uomini della Bibbia chiedevano molto e molto era chiesto loro da Dio. La loro intesa veniva da una scelta reciproca e irrevocabile, una necessità di essere, l'uno per l'altro, Dio di un popolo e popolo di un Dio. Il loro scambio geloso piegava l'universo secondo un disegno allora nitido e oggi invisibile.

Erri De Luca, Una nuovola come tappeto, 74-75