Ancora sui valori, per chiarezza

di Marco Tarquinio

Gentile direttore, mi riferisco alla lettera del signor Massullo, apparsa nella pagina di Forum domenica 29 maggio e alla sua risposta che a me è apparsa non chiara né esaustiva. Mi permetto di riformulare a mio modo il quesito del signor Massullo. È possibile e moralmente lecito a un cattolico con coscienza ben formata votare un candidato politico che, fra tante cose belle, sostiene anche le coppie di fatto, l'aborto, l'eutanasia... cioè scelte contrarie a principi che la Chiesa ritiene non negoziabili? - Guglielmo Nicoletti, Padova



Lei, gentile signor Nicoletti, non riformula affatto il quesito del lettore Massullo che era totalmente incentrato sul valore da dare alla valutazione di coscienza, me ne propone uno diverso. Un quesito al quale, peraltro, in queste settimane come già negli anni scorsi, su Avvenire abbiamo dato più volte quella che ci sembra una risposta sensata e utile. Comunque sia, gliela ripeto volentieri: i «valori non negoziabili» sono impegnativi per un cattolico, e il Papa e i vescovi ce li indicano per poter sviluppare un'azione politica e sociale giusta e per aiutarci nel formulare un giudizio su chi ambisce a svolgere un ruolo e un servizio pubblico. Ricordo per l'ennesima volta questi valori che delineano quell'«etica della vita» che dà base all'«etica sociale»: tutela della dignità della persona e della vita umana in ogni momento e condizione (nascente, povera, migrante, malata, morente...), riconoscimento del ruolo fondamentale della famiglia naturale, cioè fondata sul matrimonio fra un uomo e una donna, libertà di educare i propri figli. Questo vuole dire che il politico che dichiara di non volerli rispettare oppure