«Dalla bocca dei bambini, Signore, ti sei fatto una lode». «Molti chiedono solo che la Chiesa sia sé stessa». «La Chiesa non può aver timore di apparire con cordialità verso gli altri nella vita pubblica. Ma è un fatto che il suo vero tesoro è il Vangelo letto in noi dallo Spirito Santo. Un tesoro di preghiera e di umiltà».

Intervista con il cardinale Carlo Maria Martini

di Gianni Valente

«Dapprima impariamo, poi insegniamo, poi ci ritiriamo e impariamo a tacere. E nella quarta fase, l'uomo impara a mendicare». Il proverbio indiano che ha voluto citare in uno dei suoi ultimi libri, per il cardinale Carlo Maria Martini rappresenta quasi una fotografia della sua lunga vita. (...)

Che cosa chiede, ora, nelle sue preghiere di mendicante?

Adesso la mia è una mendicanza anche fisica, che mi costringe a chiedere l'aiuto di qualcuno, magari la notte. Questa è la prima povertà attraverso cui adesso mi fa passare il Signore, ma non è che mi costi tanto, perché così do occasione agli altri di compiere atti di carità. Poi adesso la mia preghiera è per la Chiesa di Milano, è una preghiera d'intercessione per tutte le realtà e le persone della diocesi, che raccomando una a una alla grazia di Dio. Per la Chiesa del mondo