«Vi giuro, signori, che l'esser troppo consapevoli
è una malattia,
un'autentica, assoluta malattia».
F. Dostoevskij, Memorie dal sottosuolo