Senza comunque negare le difficoltà e le sfide talvolta tremende del nostro mondo, vorremmo aiutarci a cogliere i molteplici aspetti positivi, i tanti segni di speranza, i fermenti di vero e di bene, le opportunità inedite e straordinarie di questo tempo che ci è donato da vivere. Il tempo – anche il nostro - è sempre “l’oggi di Dio”! (...) Questa Eucaristia che stiamo celebrando diventa allora il momento adatto per chiedere al Signore di aiutarci ad avere una visione unitaria, rasserenante e bella del periodo storico che stiamo vivendo. Doni a tutti noi di essere: stupiti per il dono, non schiacciati dai problemi; mossi dallo Spirito con la sua unzione potente ed efficace, non bloccati da timori e da fatiche; rimessi in moto dal dinamismo interiore della grazia, non confusi dalla nostra condizione che sembra impari alla complessità e alla problematicità della situazione in cui viviamo. Ma su quale “nuova” strada lo Spirito ci vuole condurre? (continua)